ritorna alla home page le vostre parole vai alla home page noi lasciaci un messaggio i siti amici per qualsiasi informazione

iscriviti alla newsletter di scrivimiamore ritorna alla home page

home > la lettera più bella > lettere in gara

LETTERA IN CONCORSO

MELIDORO

Ciao Melidoro,
ragazzo immaginario che vivi nella lontana regione dei sogni.
Tu ora sei nel tuo mondo, a pensare qualcosa, e nemmeno lo sai che già ti voglio bene, nemmeno lo sai che esisto e ti penso.

Ma conoscerti, sarà come se da tutta l'eternità ero stata lì, a osservarti da dietro un vetro, a spiare i tuoi movimenti e le tue idee, e poi all'improvviso eccomi dentro...assieme ai tuoi movimenti e alle tue idee. E a te.
Beh, forse ho l'innata caratteristica di rendermi difficile la vita, forse dovrei recuperare la scatola di acquerelli e disegnarti diversamente, caro Melidoro, un po' piu' simile ai protagonisti felici dei telefilm.

Ma non lo farò. Ho già dipinto il mio quadro ed ora lo osservo, con compiacimento e curiosità…

Per prima cosa, Melidoro, mi accorgerò del tuo sguardo, che non guarda me, forse neppure mi vede..sarà a correre dietro ad altri pensieri, nemmeno tanto precisi. Sarà uno sguardo triste ma saggio. Pesante di problemi ma che ancora sa sollevarsi dietro ai sogni. Abituato a guardare le sue idee che galleggiano sul soffitto, a vestirle di viola e di nero ma anche, a volte, dei fili colorati e leggeri dell'entusiasmo.
Poi vedrò le tue mani, mani da adolescente, lunghe e ossute, mentre le muovi come ali scoordinate nell'aria. Mentre provi a prendere il volo.
Poi vedrò il tuo sorriso...non proprio un sorriso, un'espressione mutevole e piena di movimento come un cielo nelle regioni del nord...un sorriso interno di quelli che noti solo con molta esperienza e spirito di osservazione..
Non credo che sarai ciclotimico, come dicono gli psicologi..

Quando ti incontrerò, Melidoro, sarà una grande felicità e nello stesso tempo una grande tristezza ...come quando si fissa a lungo un pozzo troppo profondo e si hanno le vertigini..
Il tuo carattere sarà mutevole e imprevedibile, a volte profondamente triste, chiuso, scontroso, senza possibilità di dialogo nemmeno con te, a volte con lampi di incoscienza infantili, di entusiasmo travolgente e "pazzo", di progetti contagiosi. A volte profondamente ingenuo di fronte al mondo, sincero e fiducioso come un cucciolo. Ma chiuso a riccio non appena ti accorgi che il mondo si sta avvicinando a te.
Saggio e nello stesso tempo sconsiderato e guidato dalla politica del "cosa c'è da perdere ormai"...Mi piacerebbe ascoltarti a lungo, parlare fino a che si ha l'impressione che neppure un angolo della tua anima e della mia siano inesplorate.
Come guardare assieme le nostre idee sul soffitto. Oppure stare in silenzio...
E allora ragazzo ideale che magari cammini per le strade delle tue lontane regioni chiedendoti non sentendoti a casa in esse, e che osservi le cose ma filtrandole attraverso le tue idee..sì, proprio tu, ragazzo che non sei felice e vincente a tutti i costi...può darsi che il postino, quello sbadato omino che sbaglia sempre indirizzo, e che il sabato mattina suona impietosamente al citofono per farsi aprire il portone, lasci scivolare questa lettera sulla via che stai percorrendo...Aprila, ti autorizzo! in fondo, non c'è scritto il tuo nome, in caratteri dorati, sulla busta?....e allora può darsi che piano, appena un pò, sorriderai..ma non proprio un sorriso, un sorriso che noti solo con molta esperienza e con spirito di osservazione...

di: Emi Verde
titolo: melidoro

DAI IL TUO VOTO A QUESTA LETTERA

leggi i commenti

segnala questo sito a un amico!