ritorna alla home page le vostre parole vai alla home page noi lasciaci un messaggio i siti amici per qualsiasi informazione

iscriviti alla newsletter di scrivimiamore ritorna alla home page

home > la lettera più bella > lettere in gara

LETTERA IN CONCORSO

Caro amore, sto scrivendo proprio a te!
Anche se intuisco che tu non lo possa capire, da quanti anni infatti non ti chiamo così?
Sono trascorsi decenni e la ragazza che credeva al giovane che le prometteva una villa con un lucernario da cui si potevano osservare le stelle è lentamente invecchiata. Come del resto sei diventato anziano tu, senza avermi offerto neppure la decima parte delle tante promesse che un tempo mi avevi fatto!
Fosse soltanto questo: non solo non mi hai donato niente, ma mi hai rubato tutto quello che potevi sottrarmi: i giorni beati della giovinezza, sempre trascorsa dietro a scadenze e doveri che tu non ti sei mai sognato di onorare.
Ed io, costretta a pensare a tutto, non mi rendevo conto del trascorrere delle stagioni, degli anni, dei decenni…
Mi ha però regalato (o io ti ho regalato?) due splendidi figli ed è per loro che ho trovato la forza per tirare avanti.
Anche se tu mi distruggevi a poco a poco, non avevo il tempo, né la voglia per pensarci. Poi…i figli sono cresciuti ed io ho riscoperto intatta la capacità di amare.
Non di amare te, che tutto mi avevi preso, senza dare niente in cambio!
Mi sono guardata intorno ed ho scoperto un universo di gente come me, che non voleva arrendersi, che ancora credeva a quella strana parola chiamata amore.
Ma sempre c’erano difficoltà, vuoi un’altra persona, che non si voleva offendere, vuoi l’incapacità di uscire da quella dimensione del sogno, in cui volentieri approdavamo, ma che difficilmente sfociava nella realtà.
Così sono rimasta qui, anche se non mi meriti, anche se avrei avuto tante volte l’occasione di spiccare il volo.
L’ho fatto non per te, ma per i nostri figli che, pur conoscendo le difficoltà del nostro rapporto, pretendono e meritano dei genitori uniti.
Così, trovandomi a scrivere una lettera d’amore, mi vedo costretta ad indirizzarla a te, così lontano e così vicino.
Perché tutte le altre persone che hanno intersecato la mia e la tua vita in questi trenta anni, sicuramente difficili, altro non sono state che meteore.
Per questo motivo ti ho chiamato “caro amore”, perché penso che anche tu ricambi questo nostro rapporto, fatto di sofferenza, di attriti, di rabbia e di stanchezza, ma anche di un qualcosa che abbiamo costruito insieme.
Da trentun anni, nonostante tutto quello che è successo e che ancora succederà, tua moglie.

FIORDALISO

di: Fiordaliso
titolo: proprio a te

DAI IL TUO VOTO A QUESTA LETTERA

leggi i commenti

segnala questo sito a un amico!