ritorna alla home page le vostre parole vai alla home page noi lasciaci un messaggio i siti amici per qualsiasi informazione

iscriviti alla newsletter di scrivimiamore ritorna alla home page

home > la lettera più bella > lettere in gara

LETTERA IN CONCORSO

caro uomo

Caro uomo così sicuro, com’è difficile essere divisi a metà.
A volte mi fermo a pensare e mi si fermano tutti gli altri pensieri.
Mi piace fantasticare su cosa potrebbe succedere, ma poi, in altri momenti vorrei che tutto questo terminasse. Mi trovo spesso ad avere pensieri contrastanti; da un lato la voglia di lasciare andare tutto così, naturalmente, continuare questo maledetto gioco, così entusiasmante, avvincente e birichino, dall’altro la paura di rovinare ciò che già si possiede. Perdere la fiducia conquistata un po’ alla volta, rovinare comunque un rapporto a due.
Penso che se la cosa succedesse a me, cioè se dovessi intuire che il mio uomo se la sta facendo con un’altra, non la prenderei molto bene.
Ciò nonostante, mi trovo a provare piacere nel farlo io, e questo mi fa stare male!
Mi piace troppo sapere che mi desideri, mi piacciono le tue parole, mi piace il tuo sguardo penetrante, il tuo respiro pesante, le smorfie della bocca e le mani sempre (troppo) in movimento. Mi piace insomma sapere che ci sei. Mi piacciono le novità, le nuove emozioni, le coccole, i baci, .. mi piacciono troppe cose e questo non sempre è un bene! Nonostante questo ti provoco, ma non concludo, mi piacerebbe, ma non voglio, ti pungo e poi scappo.
Non riesco a sovrastare la voglia di trasgressione e mi lascio trasportare. Non sento il bisogno di concludere qualcosa, ma trovo molto piacere nello stare con te, anche solo per parlare.
Forse perché amo conoscere persone nuove, capire i loro pensieri, conoscere la loro vita…
Vorrei dirti molte cose, chiedertene altre, ma poi, quando nei pochi attimi che abbiamo potrei farlo, m’impapino e non mi viene più nulla perché non riesco a dirti di no!
Vorrei riuscire a dire basta a quello che sta succedendo, vorrei riuscire ad amare come dovrei chi mi sta accanto, vorrei riuscire a dirglielo spesso, riuscire a trattarlo meglio e non farlo soffrire.
Vorrei smetterla di mentire al mondo intero e di avere questo sento di soffocamento.
Vorrei tante belle cose ma continuo a farmi male con le mie stesse mani, perché pur essendone consapevole, baratto, per pochi momenti di emozione, tanti altri di confusione.
Invidio chi riesce ad amare una sola persona, chi le resta fedele a vita, chi stravede solo per lei e chi non farebbe quello che faccio io.
Io non riesco, ho la mente troppo libera e il cuore, forse, troppo debole.
Aiutami tu, dimmi che mi odi, che non ne vuoi più sapere, dimmi che non ti piaccio più e che ami solo la tua donna e non la tradiresti per nulla al mondo.
Penso che solo queste parole mi darebbero la forza per smettere di pensarti perché non riesco a far diversamente. Fallo e te ne sarò grata.
Mi domando perché non riesco ad accontentarmi di una sola persona, a darmi completamente… mi chiedo perché non riesco a vivere serenamente e mi sento a volte in gabbia, anche se spesso la porta è aperta. Sicuramente non so amare abbastanza e mi dispiace.
Mi piacerebbe discuterne con te e mi rattristo perché il tempo non lo troveremo mai e perché non possiamo farlo senza creare problemi. Mi piacerebbe avere la tua amicizia e avere te appena ne sento il bisogno, ma mi rendo conto che non potrà mai essere così.
Prendi queste poche righe come uno sfogo personale o una parte delle cose che avrei voluto dirti ma che non sono mai uscite.
…e quando finalmente quella casa sarà terminata e ti inviteranno, ricorderai, passando per il pianerottolo, quel momento passato assieme.. dove una donnina, eternamente indecisa, è venuta a fare la scema e ti volterai indietro ridendo.

T.V.B.
Silvia

di: Silvia Zanetello
titolo: caro uomo

DAI IL TUO VOTO A QUESTA LETTERA

leggi i commenti

segnala questo sito a un amico!