iscriviti alla newsletter di scrivimiamore

iscriviti alla newsletter di scrivimiamore ritorna alla home page

...Al mio eterno amore

Ciao pulcino mio, ti domanderai perché mi riesce così facile ad esprimere tutto il mio amore aiutandomi solamente con una penna e un foglio di carta bianco. Prova ad immaginare che quel foglio divenga il tuo cuore, e la penna una piuma leggera ma capace di lasciare segni indelebili come un ago da tatuaggio. Ora lasciati andare, la tua mano accarezza delicatamente il foglio che ormai è impaziente d’essere colorato d’amore, il tuo cuore diventa una cosa sola con la mente, e a quel punto realizzi con freddezza l’obiettivo che devi raggiungere. Ed ora devi solamente aprire il tuo cuore e lasciare che queste parole ti sfiorino lentamente.
Dicono che il paradiso si veda solo quando una persona muore...io invece l’ho visto nei tuoi occhi, come il bene immenso che ti voglio. Se poi porgo lo sguardo un po’ più giù, rimango abbagliato dalle tue labbra seducenti, che al sol sfiorarle ti portano in cima al mondo, ti sembra d’aver tutto, dimentichi tutti i tuoi problemi e dopo qualche istante ti senti allo stesso tempo perso, indifeso, vulnerabile, ma soprattutto innamorato. Solo la tua figura porta la luce necessaria a non farmi sentire solo la notte: buia e tenebrosa. Le ore senza di te sembrano giorni, la scuola diventa così complicata e difficile, ma basta solamente uno sguardo alla tua foto e all’improvviso di colpo tutto si riordina, tutto diventa chiaro. I nostri nomi scritti sulla sabbia risplendono più del riflesso delle onde: al mondo non esiste nulla più bello di te, ma soprattutto del tuo cuore che aspetta di nuovo il momento giusto per aprirsi come a fatto fin ora e finalmente gonfiarsi d'altro amore che il mio io è pronto a darti. Questo è il mio scopo, questo è il mio amore.

Ti amo, ely

Tuo x sempre Marco

inviata da: Marco_ely, martedì 16 novembre 2004

 

 

 

vai alla home page noi lasciaci un messaggio i siti amici per qualsiasi informazione

ritorna alla home page le vostre parole