iscriviti alla newsletter di scrivimiamore

iscriviti alla newsletter di scrivimiamore ritorna alla home page

home > le vostre parole > poesie > Claudio Siciliano > Sogno o sono desto?

Sogno o sono desto?

Alle quattro e sette di mattina sono uscito in barca a vela. Ciondolavo beato per mare e gettavo un’esca di onorevoli vermi di centro destra. Pescando sexy fotografie da un calendario canticchiavo giulivo una canzone di Mino Reitano Comunicavo con le cernie discole e porcelle mentre un polpo siciliano mi rivolgeva il saluto: “Uè, cumpà!”. Ho chiacchierato con una balena in tuta sportiva tre miglia più in là era buffa e soffriva le ho consigliato una dieta leggera a base di babà fino a quando ho pisciato sulle pinne di uno squalo cornuto incazzato di brutto, con la protesi in bocca, e parecchio deluso. Ed ho fatto a pugni con il vento di maestrale che mi rompeva i marroni da un’ora Per la voglia dispettosa che aveva di non farmi navigare ancora un insulto subito e l’ho mandato a cagare. Insomma ero sballato fino al midollo giacché ti pensavo e mi sentivo più gallo che pollo. Volgevo il pensiero al tuo triste passato al presente tutto sommato sereno di adesso e al futuro che purtroppo non conosco. E mi sono tuffato d’un tratto pur non sapendo nuotare. Sei arrivata vestita da delfino per volere casuale o divino e mi hai sollevato dal pelo dell’acqua dandomi del rinomato cretino. Io ti amo credo ma non lo posso giurare: è un sentimento vero? Eppure oggi mi sento un’anima compressa marinaio di ritorno da un tragitto senza l’ombra di una sardina sbatacchiata sulla rete dal vento. Non capisco nemmeno se quello che ho fatto sia stato un sogno buffo ovvero se sono desto.

inviata da: Claudio Siciliano, venerdì 21 marzo 2003

 

 

 

vai alla home page noi lasciaci un messaggio i siti amici per qualsiasi informazione

ritorna alla home page le vostre parole