iscriviti alla newsletter di scrivimiamore

iscriviti alla newsletter di scrivimiamore ritorna alla home page

Per il mio Andrea.

Senza inizio, senza firma, senza nome, fin troppo evidente l’autrice di queste poche parole autobiografiche…
Una lettera, forse diversa dalle altre…..Una lettera che forse non è destinata soltanto
ad essere un formale biglietto di Auguri….
Ma, probabilmente,vuole essere solo lo specchio di una confessione fatta sotto voce;
sussurata sotto l’albero e resa indispensabile da ciò che ci sarà dopo….
Le parole poco comprensibili, di questi miei pensieri, che forse renderanno meno efficace il risultato,
la forma poco chiara del testo e la paura di essere fraintesa,rende la mano timorosa e tremante nello scrivere.
Eppure non riesco a fermarmi, nonostante tutto sento che queste mie parole
debbano giungere a te e rivelare tutto quello che non ti ho mai detto;
perché so che in qualche modo, tutto ciò, deve essere comunicato
alla persone che in questo momento è senza dubbio la più importante della mia vita….TU!
Le mie parole saranno quelle di una donna che sta per diventare mamma,
saranno quelle di una donna che sta rivoluzionando la sua vita,
saranno, soprattutto, le parole di una donna che ti ama….
Questa lettera non ha l’intento di porre delle accuse, di dare dei divieti,dei no!
Queste parole non serviranno per delle richieste o per delle pretese,
ma serviranno soltanto a mettere in comunicazine il mio cuore direttamente con il tuo,
a svelare segreti, a rivelare le cose che magari per troppo tempo ho tenuto nascoste dentro di me,
solo per la semplice paura che esponendole sarebbero nate discussioni, litigi e stupide ripicche.
Ma oggi no! Oggi è Natale….
Quale regalo migliore se non parole sincere scritte per quello che sarà il padre di mio figlio,
il compagno della mia vita…. E allora eccomi qui a mettere nero su bianco le parole che non ti ho mai detto,
i pensieri che non ti ho mai rivelato, i segreti più nascosti, i sogni mai realizzati……..
Vorrei che fosse il mio silenzio a parlarti, magari attraverso uno sguardo che sappia raccontare,
ma ciò è irrealizzabile e allora non resta che a me che parlare, esprimermi al meglio,
coprire il silenzio e lasciare spazio a tutte le parole che sarò capace di dire e che sarò capace di scrivere….
Anche se inevitabilmente dimenticherò qualcosa… E poi mi fermerò ad aspettare ….
Come per un anno ho aspettato che alcune cose cambiassero
e che tu potessi arrivare a capire che quelli che hai sempre chiamato CAPRICCI
in realtà per me erano insopportabili spine nel cuore che hanno continuato a pungere e a ferire….
Come ho aspettato che il colore interno della tasca posteriore dei tuoi Jeans cambiasse
Come ho aspettato tante altre cose per la quali la sola attesa si è rivelata vana, perché
A volte capita che le situazioni non vengano vissute allo stesso modo, che a volte tutto sembra dato per scontato,
ma poi non è piacevole scoprire che non è proprio così…. E come ho sperato che l’anello che porto al dito
Fosse stato un regalo prezioso che non avresti misurato in base al valore materiale dell’oggetto,
ma in base al valore che tu potevi dare al gesto e che tu non hai dato, semplicemente perché
per te è stata solo una richiesta da parte di mia di una conferma dell’amore che ci lega;
ma quello che tu non hai saputo capire è che a un gesto del genere avrei rinuncito senza alcuna fatica,
anche se mi ha insegnato per i giorni futuri a saper tacere, in modo da non ricadere di nuovo nell’errore
di fare richieste indirette e sgradite, e soprattutto di avnzare pretese, invece di aspettare che sia il tempo a far maturare dentro di te le scelte per cui cancellare delle cose e dare spazio ad altre,
ma ciò dovrà avvenire senza le mie costrizioni, ma solo per una scelta tua e non mia!
Tutto quello che ti chiedo è che per i giorni a venire certi discorsi tu possa farli prima e non dopo l’accaduto,
in modo da permettere a me di poter comprendere le tue motivazioni;
e a te di poter scegliere senza interferenze esterne: le mie.
Ho bisogno che tu sappia che tutto questo non avrebbe rappresentato una vittoria per chissà quale gara,
ma semplicemente gesti compiuti da qualcuno che avrebbe capito i miei limiti,
che avrebbe curato le mie ferite con una sua rinuncia….
Ma sia chiaro che non lo pretendo, perché non sarebbe giusto.
Accetterò tutto quello che non farai con serenità, ma mi auguro che tu faccia lo stesso con me…
Vorrei che tu accogliessi queste mie parole in pacee e non con l’intenzione di dover preparare un cotrattacco,
perché non ti sto dichiarando guerra, ma al contrario sto semplicemendo spianando il terreno
per il nostro cammino insieme, basato appunto sulla sincerità reciproca;
perché lo sai benissimo che in quest’anno gli ostacoli non sono stati pochi,
alcuni causati proprio dalla nostra mancanza di franchezza, e sicuramente non sono finiti.
Questo è il mio regalo x questo nuovo Natale insieme una dichiarazione a cuore aperto,
il resoconto di un anno passato, la top five della nostra storia….Un anno di noi, insomma.
Tra qualche mese saremo genitori, e allora saremo in tre a dividere la vita a prenderci cura l’uno dell’altro.
L’immensa gioia che hai saputo regalarmi ogni girno, le attenzioni, le premure, la comprensione e la tenerezza
con cui mi accarezzavi nei momenti di sconforto, una pizza per spezzare i momenti difficili,
un sorriso per farmi sorridere, un abbraccio per farmi sentire importante…
Tutte cose che tu mi hai regalato e alle quali non saprei più rinunciare, come non potrei mai rinunciare a te….
So che tante volte anche per te non è stato facile starmi accanto e in modo particolre
Quando invece di restare avresti preferito sbattere la porta e andartene,
e allora ti ringrazio per tutte le volte che non l’hai fatto,
ma soprattutto per essere qui con me a tenermi ancora la mano,
a coccolarmi anche quando non me lomerito e a perdonarmi per i troppi errori commessi.
Non so cosa ne farai di questa lettera e di tutte le sue parole,
ma non mi importa se il suo destino sarà quello di essere cestinata,
ciò che importa è che sia arrivata a te e che tu abbia accolto con un sorriso ogni piccola parola
di un racconto scritto dalla mamma del tuo bambino solo per augurarti:
Buon Natale Amore mio! Che il nuovo anno come tutti quelli a venire
possano vederci sempre uniti come in questo giorno…
Senza fine, senza firma, senza nome,
fin troppo evidente l’autrice di queste poche parole autobiografiche…..




La tua piccola

inviata da: Stefania Cerzosimo, giovedì 23 dicembre 2004

 

 

 

vai alla home page noi lasciaci un messaggio i siti amici per qualsiasi informazione

ritorna alla home page le vostre parole