iscriviti alla newsletter di scrivimiamore

iscriviti alla newsletter di scrivimiamore ritorna alla home page

La forza dell'amore


In un’epoca piena di contraddizioni e dilaniata da decine di guerre in tutto il mondo, approdare nel porto dell’AMORE è una grandissima conquista interiore che fa bene al cuore!
La storia ci insegna che le mete più ambite sono anche le conquiste più difficili e credo che la conquista dell’AMORE nella nostra vita sia il viaggio più meraviglioso che la nostra anima possa compiere .
Non è facile sentirsi palpitare dentro l’anelito dell’AMORE, quello che ti riempie il cuore e calma le tue solitudini più profonde, perché sarebbe quasi l’AMORE puro, incondizionato che solo una madre prova verso il suo bimbo da quando sa di “custodirlo” in grembo all’ultima volta poi che la vita le concederà di sentirlo figlio…ma quella dell’AMORE è l’emozione che nella vita non può mancarci!
Forse nelle mie parole avvertite una sorta di maturata consapevolezza alle cose belle che l’AMORE può compiere…e lo è!
Arrivare ad amare ti arricchisce interiormente, nelle pieghe della tua anima, perché attraverso l’altro conosci i tuoi stessi confini e riesci a superarli.
Amare significa arrivare al cuore degli altri superando l’egoismo, la rabbia, la falsità e portare alta dentro di te la “bandiera del rispetto” al di sopra di te stesso, perché amore vero è quello che si prova per come l’altro è, non per come vorremmo che fosse!
Certo l’AMORE a volte ha anche bisogno di raggiungersi e di far nascere dentro di noi nuovi orizzonti ed abbandonare le sabbie mobili in cui la vita stessa può catturarci.
E l’AMORE tutto questo lo può.
Gesù disse: “Ama il prossimo tuo come te stesso”, ma sembra che oggi, nei disastri delle guerre e delle solitudini a più livelli che noi stiamo vivendo, il volto dell’AMORE si sia oscurato miseramente.
Tante sono le facce dell’AMORE: a cominciare dall’amicizia, alla solidarietà nei confronti di “fratelli” meno fortunati di noi (bambini privati degli affetti più semplici, donne maltrattate e sottomesse nella loro dignità, o stranieri considerati uomini di serie B) ed invece se guardo dentro di me, forse io stessa non sono capace di provare AMORE quello con la A maiuscola, perché AMORE significa anche saper perdonare ed io certo non riesco a farlo fino in fondo nei confronti di un padre che mi ha negato il suo di AMORE.
Ma la vita spesso ci mette alla prova e saggiare la nostra forza è importante per la nostra stessa rinascita.
Negli anni si coltivano sogni, desideri…e quando arriva il momento di guardarsi indietro non puoi deluderti perché tutta la vita stessa ne è in gioco e con essa l’AMORE meraviglioso che hai costruito e ne fa parte.
È ormai lontano il tempo in cui i sogni facevano capolino sempre più numerosi e tracciavano nella mia mente i contorni di un domani poco definito, ma non meno vivo il ricordo di quando l’AMORE è entrato a far parte della mia vita in punta di piedi.
Il sentimento dell’AMORE era in me tanto sconosciuto, quanto tenero, prezioso ed inconfondibile.
In pochissimo tempo, ed a dispetto di tutto e tutti, ho desiderato che ne facesse parte e voler creare quel profondo equilibro costruito negli anni, che oggi a quasi venti anni di vita insieme, mi fa sentire di amare lui come unico.
Il pensiero dell’AMORE nella mia vita mette sempre a tacere le mie debolezze, dissolve le mie insicurezze, perché il nutrire AMORE ed essere ricambiata mi ripaga di tutto quello che la vita mi ha negato.
Forse non è facile farsi riconoscere dagli altri, ma l’AMORE, quasi magicamente, sa scavare nella nostra sensibilità e curare le ferite più profonde al punto tale da farci sentire che vale sempre la pena combattere perché l’AMORE nel mondo viva sempre in più cuori.
Quando conto le mie fortune considero l’AMORE sempre due volte e desidero voler invecchiare avendolo nel cuore perché, amando io stessa negli anni ho conosciuto la mia parte migliore!

inviata da: Mario, giovedì 30 dicembre 2004

 

 

 

vai alla home page noi lasciaci un messaggio i siti amici per qualsiasi informazione

ritorna alla home page le vostre parole