iscriviti alla newsletter di scrivimiamore

iscriviti alla newsletter di scrivimiamore ritorna alla home page

A Ciccia

Avevo solamente voglia di scriverti queste parole, sono uscite così dal nulla della mia testa.
Quel nulla che è amore, che è ciò che con te ho costruito in tutto questo tempo.
La mia donna tu sei , la mia fidanzata , sento nei tuoi confronti un misto di sentimenti, ti vedo come una donna matura quasi a colmare in me quel senso di affetto materno che forse mi manca, ma ti vedo anche come una bambina che confida in me come se potessi essere un genitore, io che non sono capace neanche a badare a me stesso.
Comunque c’è tempo per imparare.
Dobbiamo solamente credere in noi due come un unico essere mutevole che è in continua metamorfosi, i nostri corpi, i nostri sentimenti mutano in una forma indefinibile ma percettibile nelle diverse sfaccettature dell’essere.
Prendiamo questi cambiamenti come un nuovo avvenire , penso che non dovremmo aver paura di questo futuro ma dovremmo accettarlo come il figlio del nostro rapporto, il figlio della nostra maturazione il figlio dei nostri anni passati insieme a confrontarci e tante volte mettendoci anche in contrasto noi che siamo un ‘essere unico e perfetto, anche noi sbagliamo sai?
Ma siamo pronti sempre ad uscire da questo guscio di cattiveria che ci divide tante volte ma che ci riavvicina alla naturalezza di noi due come coppia, una semplice coppia fatta di bene e di male, di stare insieme e di stare lontani.
Non una coppia da film, non una coppia da giornale, siamo già circondati da tutta questa merda che forse è meglio starne alla larga e accettare la nostra di merda che per me sinceramente puzza molto di meno di tutte le altre.
Cerchiamo nel gesto ciò che ci manca, simo ci siamo io e te, io posso aiutarti, tu aiutami,ci sono io e ci sei tu nessuno a parte noi:
<>.
Ricordi?
Tu non sai quanto ti amo, forse te lo dimostro in un modo sbagliato, ma sappi che ti amo, i miei sentimenti nei tuoi confronti sbocciano ad ogni tuo sguardo, riscaldati dal calore delle tue parole e dei tuoi gesti, mi viene da piangere ma veramente ogni qualvolta ti abbraccio mi sento irradiato da qualcosa che è tuo e anche solo per un attimo diventa anche mio, in quel momento mi sento qualcuno, mi sento un essere perfetto, perfezionato dal tuo abbraccio che riempie quegli spazi di vuoto di nero che nessun’altra persona può colmare a parte la mia CICCIA.

inviata da: Tito, martedì 12 aprile 2005

 

 

 

vai alla home page noi lasciaci un messaggio i siti amici per qualsiasi informazione

ritorna alla home page le vostre parole