iscriviti alla newsletter di scrivimiamore

iscriviti alla newsletter di scrivimiamore ritorna alla home page

home > le vostre parole > Racconti > Elisa > Nightswimming

Nightswimming

Cosa c'è? Non ha risposto al telefono? È per questo che stai ascoltando Nightswimming dei Rem distesa sul letto, con un bicchiere di vino in mano e qualche candela accesa?
Come? Che dici? Ah, giusto. Ascolti i Rem solo per cercare di perfezionare il tuo inglese e sforzarti di capire i testi delle loro canzoni. È difficile però. I Rem sono americani e la loro lingua è così lontana dal British English che hai imparato al liceo. Qualcosa comunque riesci a distinguere. Frasi spezzate, parole estrapolate a caso pronte ad essere ricomposte in un puzzle ancora impreciso.
Forse è il senso ciò che stai cercando? Di certo non si tratta di una canzone felice. Lo sento dalla melodia. Narra di un ricordo, l'istantanea di un momento condiviso con una persona speciale, che tiri fuori dal cassetto e guardi sapendo benissimo che quel momento non si ripeterà e solo tu puoi capire quello che hai provato allora e che ti fa vibrare ancora oggi .è questo ciò di cui hai bisogno? Vuoi sentire cantare di istanti magici durati il tempo di una notte che non si ripeteranno più?
Ma no. Stai sempre cercando di migliorare il tuo inglese. Certo, è importante conoscere delle espressioni gergali che poi potrai utilizzare in un futuro ancora nebuloso.
La canzone è finita. Sei sicura di aver capito tutto? No? Forse è meglio che la riascolti. Premi Play un'altra volta e so che non sarà l'ultima per stanotte.
Dai, confessalo: non ti importa nulla di ampliare le tue conoscenze linguistiche. Hai solo bisogno di una canzone triste per toccare il fondo della TUA tristezza. Cerchi un pretesto per sentirti ancora peggio, per lasciar scivolare sulla tua faccia non solo le lacrime ma tutta la tua rabbia e svegliarti domani con la sensazione di stare davvero meglio, di aver esaurito in una notte il tuo bisogno di autodistruzione.
Non ripeterti che non è vero! Puoi ingannare chiunque ma non me. Ti conosco da sempre perché ti appartengo da sempre. Ogni cellula del tuo corpo vive perché IO vivo dentro di te. Come puoi fingere che io non sappia la verità? Ogni attimo della tua esistenza è scandito dai miei rintocchi. Vibrano nel tuo petto costanti partecipando di ogni tuo stato d'animo. Accelerano se sei felice, imbarazzata, innamorata e rallentano la corsa quando sei calma e rilassata. Ma non smettono mai di rimbombare. Sono il mio modo per dimostrarti che esisto e soprattutto che TU esisti.come puoi ignorarmi????? Devi ascoltarmi perché io so cosa ti fa bene e cosa ti uccide.ma tu non mi ascolti affatto. Sei troppo concentrata sui Rem per badare a me. Allora dimmi, qual è la parte che ti piace di più di Nightswimming?
Quella in cui Michael Stipe dice YOU I THOUGHT I KNEW YOU, YOU I CANNOT JUDGE, YOU I THOUGHT YOU KNEW ME, vero?
E chi sarebbe questo YOU che sembra mandarti così in paranoia? Non trattenere il suo nome. Gridalo con tutta la rabbia che hai in corpo. Sbarazzatene. Che ti fai di un uomo che pensavi di conoscere e invece.
Non riesci a urlare il suo nome ma continui a ripeterti che è uno stronzo. Probabilmente hai ragione. Io non me ne intendo di personalità diverse dalla tua. So solo che è una persona che mi fa lavorare parecchio sia quando è con te che quando non siete insieme. Mi tiene sotto sforzo, mi fa rimbalzare all'impazzata e, nonostante la fatica, mi piace. Mi tiene in allenamento e tiene te su di giri.almeno finché siete insieme. Non appena se ne va però tu ti ammali di solitudine e io devo continuare a saltare con tutte le mie forze per cercare di rianimarti e ti assicuro che non sempre è un compito leggero.
Sei davvero testarda. Più io cerco di sollecitarti, distrarti più tu ti rifugi nella prigione della malinconia, ingabbiata tra le sbarre dei ricordi ad alimentare la tua vena masochista. Ma che sollievo ti può procurare il dolore aggiunto al dolore? E io continuo a martellare sperando che tu ti accorga di me. Non puoi continuare ad ignorarmi. Non posso mica esplodere per dimostrarti che esisto.
Ascoltami! Lasciami lavorare per te. Lascia che tolga dalla tua mente quell'immagine, quel sapore, quel uomo. Sono forte per riuscirci ma non abbastanza se si mette di mezzo la tua testa, farcita di tutti i pensieri negativi di cui ti nutri e che mi fai continuamente ingoiare. Smettila di alimentarti e alimentarmi di dubbi, delusioni e sensi di colpa. Li lasci scorrere nel tuo stomaco trasportati dal vino nella speranza che affoghino in esso o che almeno vengano cancellati dalla nausea e dal mal di testa. Io non li sopporto: sono così aspri e indigesti da farmi vomitare. Ma per te che sapore hanno? Ti lasciano in bocca la dolcezza penetrante della vendetta o il retrogusto amaro della sconfitta e delle lacrime? E il vino non ha fatto effetto? Non ti sta conducendo all'oblio?
Non ancora perché la tua mente è troppo impegnata a riflettere, ponderare, trovare scuse, attenuanti, creare ipotesi e trarne le dirette conseguenze. Un continuo lavorio che sta corrodendo le tue cellule cerebrali e pian piano anche il tuo fegato. E il cuore? Ma ci pensi al tuo cuore?????? Non considerarmi solo come la fiamma che continua ad ardere per mantenerti in vita. Sono al centro del tuo corpo ma sono soprattutto il centro delle tue emozioni. Non si tratta di un'immagine simbolica creata per aumentare le vendite nel giorno di San Valentino, te lo garantisco. Tutto quello che provi nasce, cresce e muore in me.e ne ho visti passare di neonati e di cadaveri. E, come per voi umani, sono sempre questi ultimi ad angosciarmi. La morte, qualunque tipo di morte, dà sempre i brividi. Proprio come quando la tua schiena si irrigidisce, la tua pelle si fa più ruvida, il tuo sguardo si fissa nel vuoto e tu ti fai attraversare da tutti i demoni che non sei ancora riuscita a sconfiggere. Io non posso irrigidirmi ma devo combattere con tutte le mie forze per non lasciarmi congelare e devo spenderne altrettante per riscaldarti. e ora devo pure cercare di seppellire quest'altro cadavere o almeno fartelo dimenticare per stanotte. Tanto per cominciare direi che puoi spegnere lo stereo. Ormai Nightswimming dovresti averla imparata a memoria. Appoggia quel bicchiere sul comodino perché non voglio che ti addormenti con addosso il torpore del vino. Devi essere lucida se vuoi che ti aiuti.e ora arriva la parte più difficile: farti riprendere il filo dei tuoi pensieri per capire da dove è iniziato questo desiderio di malinconia e autodistruzione. Perché provi tutto questo rancore nei confronti di quell'uomo? È solo per il fatto che non ti ha risposto al telefono o perché vorresti conoscerne il motivo ? Ti sta passando per la testa che potrebbe essere con LEI in questo momento, vero? E stai farcendo la tua immaginazione di tutto quello che potrebbero dirsi, del posto in cui si trovano, se la sta accarezzando, se sta ridendo con lei, se stanno facendo l'amore.ma no, è impossibile che stiano facendo l'amore. Lui spegne il telefono in quei casi mentre adesso era acceso.e se se ne fosse dimenticato? Se la passione che li travolge lo avesse assorbito a tal punto da non avergli consentito di sentire lo squillo del telefono?
Ecco cosa ti sta passando per la mente, ecco il motivo reale della tua rabbia. SEI GELOSA!!!! È inutile che cerchi di convincerti che non puoi essere gelosa di un uomo che non è il tuo fidanzato, che i patti tra di voi erano stati chiari fin dall'inizio: nessun coinvolgimento sentimentale, solo sesso. Non regge come scusa, te ne accorgi? Per me è lampante che tu sei imprigionata in un'emozione, che non definisco ancora amore, ma che è sicuramente intensa e penetrante. Ammettilo, senti che lui ti sfugge dalle mani che in questa notte non è tuo ma di qualcun'altra. Sai almeno chi è questa ipotetica donna? Non hai bisogno di conoscerla di persona tanto hai ben chiara davanti agli occhi la sua immagine. È il fantasma di tutte le donne con cui hai dovuto competere in passato, tutte quelle che in qualche modo dovevi superare per conquistare l'affetto e la stima della persona amata. È il prototipo della donna perfetta, fisicamente e caratterialmente. Sempre sorridente, affabile nei modi, divertente, simpatica, la donna che piace a tutti, genitori ed amici. Sembra uno slogan pubblicitario ma renditi conto che è proprio quello che ti leggo dentro. La persona che sta con lui adesso è questa rivale che esiste solo nel tuo immaginario, l'unica che può sottrartelo perché è migliore di te.non riesco a capire se pecchi di presunzione o hai un senso di inferiorità spiccatamente elevato. Pensi di conquistare così tanto profondamente il tuo partner da poter essere battuta solo da una superdonna inesistente oppure pensi di essere così poco attraente che lui potrebbe essere sedotto da chiunque altra?
Per come ti conosco direi che è più probabile la seconda ipotesi. Questa tua insicurezza che ti trascini dall'infanzia e che, soprattutto nelle tue relazioni, esplode con la forza di un ciclone non appena senti minacciato il tuo territorio. Ma non hai ancora capito che l'amore non ha solo la faccia che gli vuoi attribuire tu e che se qualcuno non ti ama come tu vorresti ciò non significa che non ti ami alla follia? Non puoi pretendere che lui ti metta su un piedistallo e ti veneri ventiquattro ore al giorno, non puoi pretendere di vivere in un mondo in cui esistete solo voi due. Non siete due eremiti né puoi cavargli gli occhi se guarda un'altra donna. Potresti tranquillamente infastidirti, questo credo sia normale per voi umani, e almeno saresti seccata per qualcosa di reale. Adesso invece ti stai torturando su una tua fantasia. Chi ti conferma che sia in compagnia di qualcuna stasera? Che senso ha combattere contro i mulini a vento o peggio contro tutte le avversarie create dalla tua immaginazione malvagia? Se fosse un modo per incoraggiarti a migliorare, a dare il massimo in qualunque cammino sentimentale intraprenderai potrebbe essere utile ma per te è solo un pretesto per farti compatire ed autoconvincerti che sei sbagliata, che non sarai mai capace di portare avanti una relazione con serenità, che è giusto che gli uomini fuggano da te.
Io però non ho nessuna intenzione di giustificare il tuo comportamento ed essere tollerante. Visto che sono giunto alla fine a farti recuperare l'origine del tuo malessere e a fartelo analizzare tra i fumi dell'alcool, mi resta solamente di farti recuperare un po' di sicurezza, quella che basta per farti terminare la notte tranquilla. Domani ti sveglierai con un gran mal di testa causato dalle lacrime e dai tuoi pensieri, che sicuramente ritorneranno a bussare alla tua porta e tu li farai rientrare ancora ma almeno sarai in grado di non farti travolgere da loro e saprai dargli il giusto peso.
Ritorniamo a noi. In questo momento ti senti delusa di te stessa, ti senti brutta, insignificante, sola. In effetti non posso consigliarti di guardarti allo specchio: le lacrime ti hanno rovinato il viso e non sei proprio una bellezza. E poi, gli specchi riflettono in sostanza quello che noi vogliano proiettarvici e ora non sei pronta ad ammirare il fascino che possiedi e che riesce ad essere un'arma molto efficace di conquista. Su via, lo sai anche tu che non sto dicendo sciocchezze. Sei consapevole che riesci ad essere molto seducente quando vuoi. E non è solo una questione di trucco o di abbigliamento, anche se una minigonna molto provocante può aiutare. non fare l'ingenua: ti accorgi da come ti guardano gli uomini e, in certe occasioni, ti piace anche flirtare con loro.
Anche con lui è successa la stessa cosa. Te lo ricordi? E come puoi dimenticarlo.Eravate ad una festa e tu eri particolarmente carina e sexy. Un paio di battute, qualche sguardo da gattina e poi. qualche bicchiere di Havana-Cola e un po' sfrontatezza hanno fatto il resto! Un'altra conquista.speciale però stavolta. Non da subito. All'inizio credevi di potertela cavare con poco. Nessun coinvolgimento, nessuna ferita.
Eri già stata provata sufficientemente in passato e non desideravi rientrare in un circolo dal quale ne sei uscita a fatica e dopo lungo tempo. Perciò hai deciso di comportarti da superdonna, quella che non deve chiedere mai. Glaciale e impenetrabile nei sentimenti ma calda e passionale tra le lenzuola. Un piano perfetto. Tutto calcolato. Nessun rischio per il tuo cuore e per la tua mente.ma, ingenuamente, non hai considerato i possibili imprevisti, quegli accidenti fortuiti che riescono a spiazzare anche la previsione più precisa.
E, ahimè, l'intoppo è arrivato, più devastante di quanto potessi pensare. È vero, all'inizio hai cercato di scansarlo continuando a importi dei comportamenti che non ti appartenevano. Hai eretto dei muri sempre più alti tra la tua emotività e quest'uomo ma, alla fine, non sei riuscita a gestire la situazione e questi muri si sono sgretolati in un attimo. Solo allora ti sei accorta che, per quanto provassi a escludermi dalla tua vita, dentro di me si agitava qualcosa di molto più profondo e intimo che il tuo sangue. Amore? Non so se è giusto chiamarlo così ma sono abbastanza certo che questo sentimento che mi porto dentro ci va molto vicino. Non è poi innaturale innamorarsi di qualcuno ma, il tuo problema, è che supponi (ma a me sembra che ne sei proprio sicura.) che il suo coinvolgimento non arrivi al tuo stesso livello. Ecco qual è il nocciolo della questione! Sei spaventata perché temi di accorgerti che per lui eri solo un intrigante giocattolino sessuale e che, in realtà, sia un altro il tipo di donna che vorrebbe al suo fianco, quella donna superperfetta con cui sta adesso, vero?
Ma come siete complicati voi umani: capaci di instaurare relazioni con più persone e non provare il minimo trasporto per nessuna in particolare.io non me ne intendo molto di psicologia, non abito nella tua mente. Il mio posto è al centro del tuo corpo e sono davvero stanco di dover fare gli straordinari solo per motivi tristi. È giunto il momento che ti affacci alla mia porta e prendi un decisione: vale la pena essere angosciata da qualcuno che si accorge di te solamente quando gli va?
Prendi un bel respiro e risponditi con sincerità. E non considerare puramente il lato fisico della situazione. Certo, con lui il sesso è strepitoso e tu hai paura di non trovare nessun altro capace di procurarti un piacere così intenso. Ma non puoi sperare di tenerlo vincolato a te solo perché vi unisce una complicità molto forte. Non puoi pretendere che lui, in un prossimo futuro, si innamori di te perché è innamorato di ciò che hai tra le gambe.non funziona così, ci sei già passata. E poi, quanto tempo dovrai aspettare prima che questo accada? Una settimana, un mese, una vita? Ma soprattutto quanto sei disposta tu ad aspettare.
Le mie parole ti arrivano addosso come una doccia fredda ma è l'unico modo che conosco per farti capire che stai sbagliando a perdere il sonno per un uomo del genere.
Posa i tuoi occhi su di me, prendimi tra le mani e decidi se vuoi torturarmi ancora o se vuoi risparmiarmi.mi ami? Ti ami? Ma quanto ci metti a rispondere. io non posso aspettare più a lungo. Mi manca l'aria.rispondi, ti prego,non lasciarmi sospeso nel vuoto in attesa del verdetto definitivo.
Sento che le tue mani si stanno muovendo, iniziano a premere sempre più contro di me.
Ma che stai facendo? Mi stai stringendo troppo forte, mi sento come in una morsa ma. riesco a battere comunque, con un ritmo che, man mano, sembra tornare regolare. Temevo che mi strangolassi invece la tua presa, paradossalmente mi sta liberando. Non percepisco più l'affanno, la rabbia, l'agitazione.ma ti stai addormentando per caso??????? Eppure mi sembri sveglia. e io mi sento meglio. È come se avessi riguadagnato il posto che mi spetta e questo, a pensarci bene, può significare solamente che sono riuscito a convincerti, ti ho convertito di nuovo alla vita.
Rimanere sotto sforzo tutta la sera, lanciarti dei segnali della mia presenza e soprattutto del mio malessere hanno sortito l'effetto desiderato: finalmente hai preso coscienza di chi sei e di cosa hai realmente bisogno. Ti sei accorta che essere l'appendice di un uomo, quest'uomo, non è ciò a cui aspiri, che il desiderio sessuale non può essere confuso con una necessità emotiva e che non puoi riportare a te qualcuno che si sta allontanando o trattenere qualcuno che vuole andarsene. I ricatti morali o fisici non ti appartengono e non hai intenzione di servirtene in questo caso. Questo è ciò che hai meditato in quel lunghissimo attimo in cui mi hai tenuto in bilico tra la vita e la morte.ma alla fine hai compiuto la scelta giusta: mi hai liberato!
Sono sfinito e anche tu sei a pezzi, e poi tu hai anche l'aggravante dell'alcool. Buonanotte piccola. Riposa serenamente.
Nightswimming deserves a quiet night....

inviata da: Elisa, domenica 19 giugno 2005

 

 

 

vai alla home page noi lasciaci un messaggio i siti amici per qualsiasi informazione

ritorna alla home page le vostre parole