iscriviti alla newsletter di scrivimiamore

iscriviti alla newsletter di scrivimiamore ritorna alla home page

home > le vostre parole > lettere > Lia > Poesia nella mia mente

Poesia nella mia mente

Carissimo,
vorrei possedere il dono della poesia, perché mi pare che sia poesia nella mia mente e nel mio cuore dal giorno in cui mi sono innamorata di te.
Tu sei poesia … una sorta di ballata, dolce, semplice, gaia, commovente che la natura canta, ora piangendo ora sorridendo e talvolta mescolando lacrime e sorrisi.
Perché solo tu, hai il potere di rendermi triste o donarmi gioia e conforto.
Il mio amore ha raggiunto tali vette di follia, che bastò un tuo cenno e subito cambiai il mio abito e i miei pensieri, per dimostrarti che sei tu l’unico padrone del mio corpo e della mia volontà.
Ho camminato con la testa piena di te…
Dolce, incomparabile, quale strano effetto hai sul mio cuore! Ma cosa mi resta ancora quando dalle tue labbra e dal tuo cuore traggo un amore che mi consuma come il fuoco.? Mio caro ragazzo, ti amo ancora e ancora e senza riserve… In ogni modo possibile; tu sempre nuovo, l’ultimo dei tuoi baci è il più dolce, l’ultimo sorriso è il più luminoso, l’ultimo movimento il più aggraziato.
Quanto bramo darmi interamente a te nell’estasi del tuo dolce respiro e di quei baci che dalle tue labbra mi colmano di piacere! Ho bisogno del tuo amore come pietra angolare della mia esistenza… Il mio cuore trabocca d’emozioni e di gioia! Tutto questo non può che nascere da te, angelo, uomo; non può che essere, di sicuro non è, null’altro che un delicato raggio partito dalla tua anima ardente, o una qualche lacrima segreta e straziante che tu hai lasciato tempo fa sul mio petto. Ho pianto di gioia pensando che tu sei mio, e spesso mi domando se davvero ti merito. Qualcuno potrebbe pensare che nel cuore e nella mente di nessun uomo potrebbero affollarsi tante cose in un sol giorno… Ma quanto felice mi sentivo ieri e l’altro ieri! Cosa non farei per amor tuo!
Ho l’impressione, mi sembra, che nessun uomo sia mai stato per una donna ciò che tu sei per me…
Vi è mai stato qualcuno tratto da una prigione oscura e posto sulla vetta di una montagna, senza voltar la testa e con il cuore che viene meno, come accade al mio? Tu dici di amarmi di più? Chi dovrei allora ringraziare, tu o Dio? Entrambi, credo…
accoccolati sul divano stretto in un abbraccio infinito, “ io a te e tu a me”… eravamo noi e null’altro poteva turbare quella leggerezza.
In momenti come quelli ho capito il vero significato della felicità; ti guardavo ammaliata dal tuo sguardo accigliato, ed in cuor mio sapevo che saremmo rimasti insieme per l’eternità.
Inaspettato fu il coraggio che mi spinse a chiederti questo giuramento, re ricordo la timidezza avuta nel dichiararti il mio amore, sperato è il tuo consenso dolce come miele nato da due petali di rosa che adornano il tuo viso. Sembrava impossibile che ciò accadesse veramente. Tanto tempo trascorso insieme, tante differenze nella nostra crescita, tanto profondo il sentimento che ci univa, quante speranze e quante preghiere in attesa di quel giorno. Il mio desiderio si è avverato superando ogni distanza. È stata dura, ma sono rimasta lì vicini a te, in attesa di un tuo sguardo, di una tua parola, di una tua carezza, di un bacio rubato al tempo. Ricordo con dolcezza quel giorno nel quale per dimostrare che un bacio poteva anche non significare null’altro che tenerezza, mi baciasti …
Io rimasi immobile come una demente, non sapevo se arrabbiarmi o gioire. Preferii la scelta più istintiva, esplose dentro di me la voglia di abbracciarti e stringermi a te per sempre ..
La mia luce… la luce d’oriente, che tutto illumina e la luna vedendola impallidisce e si nasconde in fondo al mare. È la stessa luce che illumina i tuoi occhi e trasforma il tuo viso in un sole raggiante! Il calore che emana mi riscalda e pervade il mio corpo di un lieve tepore profondo che fonde il mio sentire. Amore, desiderio, tenerezza, qual nome dare a ciò che provo, quali parole potranno mai descrivere la tua forza e la mia debolezza! T i amo e qui crollano le mie fortezze cedendo al dolce tepore di un abbraccio ed al languido sapore di un baio!
Stella polare per navigatori solitari persi nel loro silenzio e nella loro quiete con te come compagna di viaggio. Nulla è grande come te, ambita meta e riferimento del mondo. Luminosa stella posati su di un fiore e riposa le tue membra affinché tu possa far gioire chi della tua importanza ne ha fatto un vanto e chi nella tua essenza crede avendo te come punto di riferimenti certo.
Amami … perché in queste ore trascorse come secoli senza di te ho pensato molto e sono arrivata alla conclusione che io ho avuto quel che tutti cercano e che solo pochi trovano: la sola persona al mondo che era destino che io amassi per sempre!!!

inviata da: Lia, domenica 18 maggio 2003

 

 

 

vai alla home page noi lasciaci un messaggio i siti amici per qualsiasi informazione

ritorna alla home page le vostre parole