iscriviti alla newsletter di scrivimiamore

iscriviti alla newsletter di scrivimiamore ritorna alla home page

home > le vostre parole > lettere > Cecilia > ....E....ti penso.....

....E....ti penso.....



E' tempo di inaspettato e sorprendente.
Di amaro e meraviglioso insieme (del resto,la felicità,che dura un secondo soltanto, è tanto grande da bruciare quasi, mentre la si tocca).
Scoprire il "di più" ferisce il presente mentre lo colora e impreziosisce in altri modi.
Trovare qualcuno è un dono, un tesoro, ma non quando hai un confine, non quando ti scontri con la sovrapposizione delle cose, non quando lo stesso posto di quel tesoro è occupato, e tanto anche.

Sento un sentimento forte e doloroso.

Fa male, perchè entrambi stiamo vivendo la buona stazione, la giusta fermata,il caro sentimento.
C'è chi è pieno d'amore per noi, c'è che noi non avremmo mai voluto e neanche fantasticato veramente.
C'è che trovarci, ha scosso la completezza che supponevamo vivere con chi ci è accanto.
Soprattutto c'è l'inaspettato desiderare.
E dire, finalmente,dopo tempo stretto rivestito di lacrime rinunciatarie, volontariamente dirette e già decise alla recisione, al sacrificio.
Sarà così probabilmente. Ma in questo tempo così duro e caro non riusciamo a tacere.
Così in due,così paralleli,così simili.
Così consapevoli di ciò che sentiamo.
Entrambi ci rendiamo conto che il pensiero mancato ci sta facendo da genitore.
Ci capita qualcosa di meraviglioso, ma così chiuso dentro noi, così giustamente schiacciato e calciato dalla presenza di chi abbiamo accanto, si fa duro e toglie la magia.
Quella magia che recuperiamo nelle parole scritte e parlate al telefono, magari storditi di stanchezza, quando l'abbandono fa cadere le difese e noi ci parliamo per ciò che sentiamo, per come siamo.
E non per tutto quello che non dovremmo provare. Anzi, che non vorremmo provare.
Dovere....responsabilità....senso di colpa.
Questo brucia di giorno, insieme alla mancanza tremenda, al vuoto.
Dovremmo accettare tutto questo come frammento di verità.
Ma come diamine trasportare tutto questo ai miei giorni senza sentirne lo sdoppiamento, la sovrapposizione, l'impraticabilità?
Dove finisce la realtà con l'uomo che mi è accanto?
Dove comincia il sogno con la persona di cui mi sto innamorando?
Espongo un'allegria da oscar per tutto il mare che ho dentro.
Mi riempie così tanto la tua presenza........sorrido all'altro con calore, con tutto il mio bene, l'affetto che naturale continua, esiste.
Ma accompagno agli occhi una lontananza indesiderata e colpevole perchè felice di aver trovato te.
Probabilmente non lasceremo scorrere, accadere le cose com'è giusto che sia.
Probabilmente sceglieremo di essere tanto stupidi da mettere a tacere artificialmente questo desiderio.
Per non ferirci di piu, per non ferire gli ignari di tutto, per tornare alla buona e giusta fermata.
Sapendo però che non solo esiste il simile, ma che l'abbiamo anche trovato e lasciato andare.
Siamo veri,verissimi, nel nostro sentire di adesso, ma ne facciamo un sogno, non possibilità.
Appesi alla luna, non al marciapiede.
Qualunque cosa debba accadere, non la forzeremo noi con l'irrazionale umanissimo desiderio di toccarci.
Un giorno forse ci vedremo, e nessuno dei due l'avrà chiesto. O forse non ci vedremo mai, sarà dolce comunque.
Mahal kita.......temo proprio di si......(è una parolina universale, ma scritta in filippino)
Due........come sempre.....

inviata da: Cecilia, venerdì 19 agosto 2005

 

 

 

vai alla home page noi lasciaci un messaggio i siti amici per qualsiasi informazione

ritorna alla home page le vostre parole