iscriviti alla newsletter di scrivimiamore

iscriviti alla newsletter di scrivimiamore ritorna alla home page

Piume

Caro Schroeder,
Il 19 settembre non esistevi e neanche io esistevo. Poi mi sono infilata nella tua vita e tu nella mia. Racconti e cronache, tra finzione e realtà si sono intrecciati, portando nelle nostre vite un po' delle vite dell'altro.
Per un istante le nostre vite si sono incontrate, le nostre anime si sono sfiorate. Eravamo insieme, tutto il resto del tempo l'ho scordato.
Paletti invisibili, ma luminosi ci segnalano la strada o le possibili vie da percorrere, in punta di piedi.
Ho camminato con la testa piena di te. Tu sempre nuovo. Una sorta di ballata, dolce, semplice, commovente, mescolando lacrime e sorrisi.
Non cercare di fermare alcun volo d'anima che hai, perchè è così lieve che posso sentire la morbidezza delle piume. Cerca di trovare, sempre, dentro di te una parola ancora, per me.
Dovunque mi dovesse portare questa strada, non voglio dimenticarmela mai, non voglio perdere il cammino, a costo di seminare briciole per ritrovarlo.
Ho perso tante, troppe volte, treni, occasioni e persone care, per non aver lottato abbastanza, per essermi fatta sopraffare dagli eventi circostanti, dalle scelte inevitabili, dai pensieri miei e altrui, dalla pigrizia mentale. E ho imparato che nulla torna indietro.
Non conosco ancora il significato, il disegno del destino, non conosco te, so che nella vita vi sono cose per cui vale la pena di lottare fino in fondo, per conoscerle. Tu ne vali la pena. Qualunque sia il segno che lascerai nella mia anima, fosse anche solo una delle tue piume.
La tua Lucy

inviata da: Lucy, giovedì 15 dicembre 2005

 

 

 

vai alla home page noi lasciaci un messaggio i siti amici per qualsiasi informazione

ritorna alla home page le vostre parole