iscriviti alla newsletter di scrivimiamore

iscriviti alla newsletter di scrivimiamore ritorna alla home page

l'assenza

…Condizione fondamentale per scrivere una lettera d'amore è l'assenza.
Essa genera solitudine, sofferenza ed un senso di vuoto che induce a tentare di colmarlo…
La lettera, può dirsi una forma di dialogo al di là dello spazio e del tempo.
Raccoglie emozioni intime, fatti appartenenti alla memoria, pensieri del presente e presentimenti, desideri per il futuro. Si nutre della melanconia e della solitudine dello scrivente, perché, per poter essere scritta, richiede riflessione, silenzio e raccoglimento. Si tratta di una forma di comunicazione minimale, rallentata e, per certi versi, rivolta a se stessi. Come diceva Platone il pensiero è il dialogo dell’anima che conversa con se stessa…la lettera è produzione di pensieri.
Ed allora eccomi qui a cercare di comunicarmi,in prima ipotesi, sperando di giungere ad opinioni reali, a fare un bilancio.
L’assenza, intesa come scomparsa…di un uomo pensato, aspettato , lo sguardo perso in quel mare senza fine, e tanto è stato il tempo trascorso a cercare di scorgerti che la mente ed il cuore,ingannevoli, ti hanno generato.
Sei arrivato così ammantato delle aspettative mie può profonde e severe, ti ho guardato qui accanto a me…ma forse non ti visto. Ho forse vissuto in questo tempo per non conoscerti, filtrandoti dalle mie fantasie, dalle mie mani come creta?
La mia anima però ha trovato una fine al suo racconto, adesso ha solo bisogno di ascoltare…quel che prima era solo rumore, poi parole confuse , che si sono rivelate frasi degne di attenzione, che diventeranno grida se continueranno ad essere ignorate…
Non si può più rimandare…
L’assenza scava dentro…..ma davvero non lo ritroverò mai più l’uomo che ho amato, ma davvero non è mai esistito? Me lo devi dire tu se ci sei mai stato o se te ne sei andato. Se te ne sei andato potresti tornare…
La frustrazione è tale che pian piano si trasforma in apatia.
Gelida, infida ormai abita con noi, non ci siamo nemmeno accorti che subdola ha traslocato in casa nostra.
Si siede accanto a me, mi anestetizza i sensi, mi accompagna nella giornata togliendomi gioie e dolori.
Con te è amante che seduce, si mostra attenta ai tuoi pensieri e ti porta lontano in un mondo che non ci appartiene, ti riempie la giornata con fretta e false verità, ti convince che altrove è il tuo posto… ma quel posto è un luogo della memoria, del passato. Il suo compito più importante,e lo sta svolgendo benissimo, è toglierci il futuro, il nostro.
Avrei voluto darti un messaggio rassicurante, caldo, di convinto amore, ma sappiamo tutti e due e per tutti e due che non è così.
La speranza, piccola tremante fiammella che ancora sopravvive, mi fa guardare ad un altro foglio bianco, in cui un giorno scrivere dell’amore ritrovato.


Prato, 14 Febbraio 2006


inviata da: Morgana, martedì 14 febbraio 2006

 

 

 

vai alla home page noi lasciaci un messaggio i siti amici per qualsiasi informazione

ritorna alla home page le vostre parole