iscriviti alla newsletter di scrivimiamore

iscriviti alla newsletter di scrivimiamore ritorna alla home page

home > le vostre parole > lettere > Sara > Lettera mai spedita

Lettera mai spedita

Vedi?
Lo vedi pure tu...
Sono una stupida... sono ancora una bambina stupida.
Ogni volta che un ragazzo mi affascina divento matta.
Matta per lui.
Matta per te.
Per te F.. Tu mi hai fatto innamorare, tu sei parte dei miei sogni, sei i miei desideri...
Solo tu.
Nella mia mente, nei miei pensieri... non c’è altro... non c’è nessun altro ragazzo.
A parte te.
Questa volta però lo sento veramente, mi sono innamorata F., non ce la faccio.
Ti chiederai cosa non riesco a fare.
Semplice.
Non riesco a vivere senza di te. Senza averti affianco, senza parlarti, guardarti...
I tuoi occhi...
Dio quanto amo i tuoi occhi.
Altre persone si potranno chiedere cosa c’è di bello in due occhi marroni, capirebbero solo se fossero azzurri, o verdi...
Ma io vedo cosa c’è in quegli occhi.
Ci sei tu.
I tuoi pensieri, i tuoi sogni, la tua felicità o la tua tristezza a volte nascosta...
Io lo vedo.
Vedo come sei.
E amo quello che sei.
Amo te.
Dio quanto ti amo.
Se devo essere sincera io non ho mai creduto nel “ti amo”... credevo fosse solo un sentimento che si provava quando l’affetto verso il partner aumentava...
Forse perché non l’ho mai provato. Il vero amore.
E tu non sei il mio “partner”, e non lo sarai mai... lo so.
Ma non è giusto.
Me lo sento, tu non sei e non sarai mai un ragazzo come Daniele o come Alessandro, tu sei diverso. Sei buono, sei gentile, onesto...
Tu non tradisci.
Tu non prendi in giro.
Tu... tu sai amare.
Tu saprai amare.
Ma non me. Non amerai mai me.
Però c’è qualcosa in te che mi dice che, forse, ci sarà una possibilità.
Certo, forse.
Quindi non è sicuro...
Io non capisco più niente. I miei sentimenti per te non li nego; è vero, mi piaci, ma non riesco a capire se io ti interesso.
Perché mi guardi in quel modo?
Perché, quando mi parli, i tuoi occhi si illuminano appena incrociano i miei?
Perché mi cercano?
Se dicessi ad altre persone il modo in cui mi parli e il modo in cui mi rispetti mi direbbero tutti che c’è qualcosa sotto. Che, forse, ti piaccio. L’ho provato, hanno visto il modo in cui mi guardi..
Ma io so che non è così...
Vedi, adesso dico che lo so perché sono una persona del tutto pessimista e preferisco credere subito al male che al bene. Almeno non soffro per essermi illusa. C’è sempre tempo per essere felici, e di sicuro non lo si è illudendosi.
Quello che ho sempre pensato è “Perché una persona deve essere felice di una cosa che spera e che crede si possa avverare se poi, quando non si avvera, cade in depressione? Perché devo essere felice di avere la possibilità di piacerti, quando infine, se avviene il contrario, mi rattristo?”.
Quindi è meglio pensare subito al peggio abituandosi alla situazione. Poi, se succederà la cosa che sogni, allora sì, lì sarai felice... lì sarò felice.
Sai, l’ho imparato qualche mese fa, con Andrea. Ora non ti sto a raccontare la sua storia, la conoscerai già.
Ok, non ci sono stati solo Daniele, Alessandro e lui nella mia vita, ci sono stati anche ragazzi che mi hanno fatta felice, che dicevano di amarmi...
Matteo.
Lui sì che mi voleva veramente bene, ma quando ero assieme a lui non potevo fare a meno di essere falsa, di non essere la vera Sara. Non potevo continuare con un ragazzo che amava un’altra persona.
L’ho fatto solo per il suo bene, l’ho mollato certo, ma non farò mai più una cosa del genere. Non fingerò mai più con una persona.
Ed è questo che sto cercando di farti capire.
Tu mi conosci, tu sai come sono fatta. Sai qual è il mio carattere, cos’amo e cos’odio.
Non sai il mio passato, ed è meglio che tu non lo sappia, non per dire che non ho fatto cose belle, ma ho commesso errori che ora, quando ci penso, mi fanno venire i brividi per averli provati.
Ma sono sicura di una cosa: non farò mai tutto questo con te, se solo avrò la possibilità di stare con te...
Sarò sincera, come il mio amore. Puro.
Puro, ma impossibile.
Non ti tradirò, non ti mentirò e, se lo farò, sarà solo per il tuo bene.
Non so cosa succederà giovedì, in gita... e non so nemmeno cosa succederà nei giorni consecutivi... so solo che forse, quello a cui assisterò, non sarà piacevole...
Sì, ti ho sentito l’altra mattina, mi hai fatto stare male... ma non è la prima volta sai...
Tu, quando parli della B., quando l’abbracci, quando la baci sulla guancia...
Non lo sopporto F., ti giuro, non ce la faccio...
Questa mattina però mi sono accorta di una cosa... e non è la prima volta che succede (un’altra)..
Ricordi?
Sono entrata in classe con una mia amica, ti ho salutato, ti ho sistemato il giubbotto sull’attaccapanni come ormai mi chiedi ogni giorno, e mi sono messa a parlare con lei... Ricordi di che parlavo? Di Riccardo, il ragazzo che, molto probabilmente, hai capito che mi piace... tu mi guardavi, ti vedevo, ma...non so perché, mi invogliavi a parlarne...
Poi, quando è entrato S., ti sei messo a parlare di una ragazza che viene a scuola nostra.
Hai detto “Ho visto una nanetta, guarda, lascia stare.” E S. “Bella?” “Bella? Bellissima!”.
Io ti ho guardato una volta, mentre dicevi questo, poi ho deciso di non ascoltarti più, mi avresti fatto troppo male, e non sarebbe stata la prima volta, come ho detto prima.
Ricordi poi, quel giorno con la mia migliore amica?
Lei ti chiese se ti piaceva la B. e tu, senza indugio, rispondesti di sì. Dio, un colpo al cuore.
Poi ti guardai, tu guardasti me, e i nostri occhi si trovarono.
Scherzavi. Lo capii subito. Il tuo sguardo era pieno di felicità e di energia, tanto che andasti subito da lei a farle una finta proposta di matrimonio.
Ti amo F., ti amo.
Amo te, la tua felicità, la tua spigliatezza, la tua disponibilità con le persone che ritieni ne siano degne, amo il tuo sguardo, il tuo fisico, i tuoi capelli, la tua bocca, le tue mani...
Di te amo tutto. Anche i lati “negativi”.
Perché, in questo mondo, nessuno è perfetto, nemmeno io. Anzi, io per prima.
Sarei un’ipocrita se ti dicessi che sei perfetto.
Giorni fa, mentre ti guardavo da lontano, mi sono girata verso la mia migliore amica e le ho detto “Gli farei di tutto.”
Oddio, non capirla esageratamente...
Lei però non mi ha risposto “Tu sei pazza, Sara ma cosa stai dicendo...” o cose del genere, no. Anzi, mi ha chiesto se lo volevo fare veramente. E io ho detto di sì.
Perché è vero, con Daniele non lo avrei mai fatto, ma era perché non mi dava fiducia, perché non lo amavo. Non era la persona fatta per me. Non lo amavo semplicemente perché non era come te, non aveva le bellissime cose che ti caratterizzano, si comportava da stupido.
Con lui però sono stata costretta, mi attirava troppo e non lo avrei perso per una cosa del genere.
Ma a te... appena ti guardo sorrido, mi viene spontaneo, ma non è timidezza, è solo che mi trasmetti felicità, mi piaci. Solo questo.
Non mi voglio illudere, l’ho già detto, è che mi piace sognare su una nostra possibile storia. E mi sento bene. Terribilmente bene.
Ma questo non è illudersi.
Illudersi è essere sicuri che una cosa (di solito bella) sognata da tanto tempo, si avvera. Ed esserne felici. Involontariamente ed inconsapevolmente io l’ho fatto, e me ne sono accorta troppo tardi che avevo sbagliato... l’ho capito quando ormai stavo male.
Ma sono andata avanti, e ho trovato te.
Anche se il mio amore molto probabilmente non è corrisposto, io sono felice di sentirmi così per una persona, per te. Certo, starei meglio se fosse ricambiato, ma non si può avere tutto dalla vita no?
Mi accontento di come sto ora, e ora sto bene, benissimo.
È da molto che non piango per un ragazzo, perché tu non mi fai piangere, non mi hai mai fatto piangere...
A volte mi fai stare male, ma quale ragazzo non lo fa.
In questo periodo mi sto un po’ allontanando, non vorrei mai che tu o la classe veniste a scoprire tutto...
Non ti guardo più spesso come una volta, non cerco più di parlare con te, ti ignoro..
Ma tu mi cerchi sempre, per qualsiasi cavolata, chiedi il mio aiuto, il mio parere..
C’è chi mi dice che un po’ ti piaccio, l’ho già detto, e c’è chi dice pure che non ti comporti con me come fai con le altre ragazze solo perché mi rispetti.
Scemenze. Lo fai solo perché con me non te la senti, c’è qualcosa che ti tira indietro, che ti dice di no. Il perché non lo so. Non so perché ti dovrebbe dire di no... questa è un’altra cosa che non mi so spiegare...
Però non mi dispiacerebbe.
Che mi rispettassi.
Che non facessi lo scemo con me, come fai con le ochette che abbiamo in classe le quali non fanno altro che chiamarti ogni cambio dell’ora.
Che pensassi “No, la Sara non è come loro, non è stupida...” o cose del genere...
Ma sono solo sogni, nient’altro... desideri... speranze...
Tutto questo per dirti, e per ripeterti, che SONO INNAMORATA DI TE F., strano, ma vero.
Strano perché sei tu, e molti ti reputano uno stupido, non nego che spesso lo sei, ma di te amo anche questo.
Continuerò a vivere la mia vita sognandoti e desiderandoti... se questo mi farà un po’ felice sarò contenta di farlo.
Avrei molto da dirti ancora, ma sarai già sconvolto, quindi mi conviene terminare qui questa lettera.
Scusa se ho scritto molto, ma i pensieri nascevano nella mia testa e non potevo fare a meno di scriverli.
Spero che, dopo aver letto tutto questo, sarai intelligente, e la terrai per te, facendo finta di niente.

Sara.

inviata da: Sara, martedì 21 marzo 2006

 

 

 

vai alla home page noi lasciaci un messaggio i siti amici per qualsiasi informazione

ritorna alla home page le vostre parole