iscriviti alla newsletter di scrivimiamore

iscriviti alla newsletter di scrivimiamore ritorna alla home page

home > le vostre parole > lettere > Miky > Solo un SOGNO

Solo un SOGNO

Ciao Elisa, sicuramente mi verrà molto difficile scriverti questa
lettera, ti confesso che è da mesi che voglio farlo, ma proprio adesso sento che è arrivato il momento.
Non c’è bisogno che io ti dica come le cose sono cambiate, perché è molto evidente, ed anche giusto, che il nostro rapporto non sia come prima; giusto perché quando vengono fatte delle scelte è legittimo rispettarle, all’inizio forse non era così, anche perché di insicurezze
ne abbiamo avute tante.
Questa mia lettera non è scritta per ricordare il passato, tanto meno per “accusare” qualcuno o qualcosa.
Questa mia lettera è scritta con il cuore e soprattutto con tanto affetto, l’affetto che ho sempre avuto nei tuoi confronti, e questo tu lo sai.
Devo confessarti che la mia vita è un po’ cambiata da quando non
stiamo insieme, forse perché in te ho sempre trovato quello che in parte mi mancava e che adesso continuerà a mancarmi, ti sembra strano e questo me lo dicevi sempre: “io non posso darti quello che cerchi!”, “Tu non meriti tutto questo!”…….
Non ho mai voluto ascoltare queste tue “fesserie”, perché come sai benissimo anche tu, in questi casi non sono le orecchie ad ascoltare ma è il cuore a sentire quello che veramente provi, e quando si è così innamorati, sai solo tu quello che vuoi, e gli altri sicuramente non potranno mai capire.
Io penso di averti dato qualcosa in questi tumultuosi anni.
Mi sento pieno di lividi, ma non me ne pento. Sapevo. E sono lividi che non dipendono solo da te, ma dal mio cieco, spasimante dibattermi di tante di queste notti. Ma questa è la vita, e ci sono dei prezzi da pagare.
Con questa lettera voglio solo augurarti tutto il bene del mondo, tutta la serenità e tutto l’affetto che, una persona comune come me, possa darti.
Preferisco perderti adesso, dove comunque l’emozione mi crea “un buon ricordo”, che incancrenire sopra un’immagine, un’idea, un volto che ho amato, che amo e che non voglio buttare nell’angolo delle cose peggiori.
Preferisco tagliarmi la lingua che dirti cattiverie, la mano che scriverti volgarità, cavarmi gli occhi che guardarti con ferocia.
Ti auguro che le cose ti vadano sempre per il verso giusto e che la tua esistenza, adesso insieme al tuo compagno di vita, sia piena di felicità e serenità, tu hai fatto una scelta molto importante, adesso è arrivato il momento che anch’io faccia quella mia; se per il giorno del tuo matrimonio io sarò a Firenze, non è per caso, ma per andare a riprendermi alcune cose che avevo lasciato lì, ben custodite, e che speravo, un giorno, di ritornarci insieme a te.
Sicuramente ti starai chiedendo come faccio a scrivere queste cose, e come faccio ancora a volerti bene, ma è anche vero che tutti i mali non vengono per nuocere e che nella vita esistono anche gli “Angeli”, tu hai avuto la fortuna di incontrarmi. Se volevo stare con te, volevo farlo con serenità, non mettendoti mai con le spalle al muro e non facendoti mai far fare scelte inopportune, volevo farmi conoscere per quello che sono e per quello che potevo darti, farti capire la mia importanza nella tua vita, e di questo ne sono fiero, perché so benissimo quanto mi vuoi bene. (non dobbiamo dimostrare più niente a nessuno).
Se dopo aver letto questa lettera ti verrà voglia di abbracciarmi, alza gli occhi al cielo e donamelo guardando le stelle.

06/04/2006

inviata da: Miky, venerdì 7 aprile 2006

 

 

 

vai alla home page noi lasciaci un messaggio i siti amici per qualsiasi informazione

ritorna alla home page le vostre parole