iscriviti alla newsletter di scrivimiamore

iscriviti alla newsletter di scrivimiamore ritorna alla home page

italia

La prima cosa che chiediamo a chi appartiene ad un altra nazione è che cosa ha di speciale il suo paese, quali ricordi lascia impressi nella mente, ed io a tal proposito vorrei spendere due parole.
tutti siamo cittadini del mondo, ed è vero che ogni paese ha le sue arti e tradizioni, ma se qualcuno mai dovesse chidermi cosa ne penso della mia tera risponderei così:
quando chiudo gli occhi, inspiro lentamente e sento l'odore acre dei pini,quello mozzafiato di salsedine e i mille profumi dei cibi.
vedo vie ciotolate disperdersi tra loro, ma anche tante, troppe macchine.
vedo giacche e cravatte , ma anche zappe e camice, reti e barche.
vedo fontane e ristoranti, cantori di strada e karaoke assordanti.
vedo allegria, sento musica,ed è come fare un bagno nei colori.
lo puoi sentire l'odore della tradizione, di ogni usanza; dalle feste patronali allo scarto delle pannocchie nei piccoli paesini di montagna.
lo senti il fischiettare del pescatore che torna con la barca in porto.
passeggiando per strada ti accorgi del rumore delle pentole sui fornelli, senti il crepitio del fuoco uscire dalle case.
Nessun pittore,scrittore o scultore potrà mai competere con l'arte dell'essere. l'arte del quotidiano che ogni giorno ci rende così Italiani.
non importa se sulla lambretta ci siano mani di colore a tenere il rettilineo, e nemmeno se sulla gondola pagaino mani gialle..
che importa..
perchè essere italiani viene da dentro, lo si ha nel cuore.

inviata da: Elisa S., giovedì 5 luglio 2007

 

 

 

vai alla home page noi lasciaci un messaggio i siti amici per qualsiasi informazione

ritorna alla home page le vostre parole