iscriviti alla newsletter di scrivimiamore

iscriviti alla newsletter di scrivimiamore ritorna alla home page

home > le vostre parole > lettere > Silvana > L'amore non si può spiegare...

L'amore non si può spiegare...

Questa volta sono decisa a dirti proprio tutto.
Non so ancora cosa ne verrà fuori e non so ancora se ci riuscirò, almeno ci tento, casomai straccio tutto e tu non saprai mai dell’esistenza di questa lettera.


E’ appena finito il temporale, uno dei profumi che mi piace è proprio quello della terra bagnata dopo un temporale, non so mi da un senso di libertà.
Ancora una volta mi ritrovo qua, con questo turbinio di pensieri che mi girano in testa, accompagnati da ricordi, da attimi passati, vicini e lontani.
Il ricordo più recente è di te che mi parli davanti ad una pizza, con le onde del mare che fanno da colonna sonora alle tue parole, ed il vento, forte, che batte sulla tettoia.
Quelle parole mi sono rimaste nella mente, mi hanno fatto pensare, molto.
Ho capito principalmente una cosa, ho capito quanto stai soffrendo!
Ho capito quanta rabbia arde in te, cova in te, quanto è profondo il tuo malessere.
Tu parlavi ed io ti ascoltavo, ma soprattutto ti osservavo, guardavo il tuo sguardo disperato che chiedeva aiuto, le parole ti uscivano come pietre che volevi scagliare contro chissà chi, ma i tuoi occhi dicevano tutt’altro.
“LASCIAMI PERDERE”mi hai detto, ma guardando la tua espressione era come se mi dicevi
“NON FARLO”.
Poi quel luccichio negli occhi….
A quel punto mi sono detta: SILVANA, TU AMI QUESTA PERSONA, LUI NON TI AMA MA, IN QUESTO MOMENTO STA QUI CON TE, TI STA CHIEDENDO AIUTO, E’ ADESSO CHE IL TUO AMORE PUO’ SERVIRE E’ ADESSO CHE DEVI AMARLO ANCORA DI PIU.
E così ho fatto, ti ho lasciato parlare, ti ho lasciato sfogare, ho visto tutta la tua fragilità di uomo ferito, ed in quel momento ti ho amato come non mai.
Mi sei entrato nell’anima Lorenzo come un terremoto, che posso fare?
Le parole di Mirella al primo impatto mi hanno fatto stare male, ragionando poi non vi era motivo, ammesso e non concesso che abbia in parte ragione, il mio modo di amare è questo, io non faccio strategie per, non ho secondi fini, non mi comporto in una maniera piuttosto che un’altra perché forse così ottengo di più, ma di più cosa?
L’amore non è un calcolo per me, quando amo, amo e basta.
Arriverà il giorno che mi dirai arrivederci e grazie, può darsi, ma che ci posso fare adesso io?
Non dovrei amarti perché probabilmente domani mi darai il ben servito?
Non dovrei amarti perché non mi ami e se mi cerchi è solo perché hai bisogno di conforto di amicizia di affetto?
Non dovrei amarti perché non posso chiamarti amore, perché non posso abbracciarti per la strada o tenerti la mano?
Non dovrei amarti perché non abbiamo nessun legame ufficiale, perché sei libero di fare quel che vuoi, perché puoi fare l’amore con chi vuoi e quando ti va, anche senza di me?
Non dovrei amarti perché è certo che certe cose mi fanno soffrire anche molto, perché quando sei lontano mi manchi da morire, perché conto i giorni fino al nostro prossimo incontro che non so mai quando sarà.
Forse non dovrei amarti…ma ti amo…amo i tuoi silenzi, la tua riservatezza la tua timidezza, amo la tua sensibilità il tuo sorriso il tuo modo di volermi bene, amo la tua sincerità ed anche la tua durezza nel dirmi le cose… perché vedi l’amore o è gratuito o non è amore e stai certo che io non ti presenterò mai il
conto!



Non sono lì con te, lo so, c’è chi è più vicino come mi hai detto, ma non prova il sentimento che provo io (credo).
Ho detto all’inizio che ti avrei detto tutto…ed allora…
Il pensiero che tu vai con altre donne (una a caso, Katia…) non può lasciarmi indifferente, anzi mi fa parecchio male, non sarebbe normale il contrario, non voglio essere ipocrita e non voglio nemmeno passare per quella alla quale va bene tutto, alla quale si può fare di tutto tanto capisce, tanto lo sa che è così…
A prescindere da tutto questo, che non posso cambiare, non basta per non soffrire, sarebbe troppo bello e facile.
La sera che mi hai detto che eri dal Paolo e dalla Katia, poi non sono riuscita più a dormire….
Quando poi lei mentre parlavamo io e te ti ha detto di appendere di mollarmi li, be puoi immaginare come mi sono sentita, anche se poi tu non l’hai fatto, ma mi ha dato fastidio.
Credo che a parti invertite avrebbe dato fastidio anche a te.
Non ho nulla da rimproverarti, non per questo te l’ ho detto, forse quando ti capiterà di innamorarti nuovamente, capirai.
Il lato positivo di tutto questo è che non posso perderti perché non si può perdere quello che non si ha.
Resta il rispetto che ho di te, la consapevolezza che tutto quel che fai e che dici non lo fai per cattiveria, lo fai e basta, perché Lorenzo è così…ti si deve prendere per come sei, oppure lasciar perdere, io questo l’ ho capito, ed anche se a volte mi capita di piangere e di stare male per te, sono qua…per tutti i motivi che ti ho detto.
Con sincerità e amore.
Silvana.


inviata da: Silvana, sabato 14 giugno 2008

 

 

 

vai alla home page noi lasciaci un messaggio i siti amici per qualsiasi informazione

ritorna alla home page le vostre parole