iscriviti alla newsletter di scrivimiamore

iscriviti alla newsletter di scrivimiamore ritorna alla home page

Cos'è l'Amore?

Delirio della ragione, pazzia di un cuore malato, purezza ed impurità nell' animo...
...l’amore.
Difficile dire quando è nato quando, gli uomini, hanno cercato l’altra metà per condividerne la vita, forse c’è sempre stato o forse non e’ mai esistito.
Così difficile da capire e da gestire, così difficile anche da riconoscere, per avere la certezza di quando quest’emozione sgorga in noi ma c’e’ un momento in cui la si riconosce, un momento in cui diventiamo divini da capire, perché solo un Dio può interpretarlo, solo un Dio può riconoscerlo.
Ecco, l’amore per me ha una fonte divina, come in un sacro rituale accogliamo forze più grandi di noi, capaci di devastare il nostro mondo, di uccidere i nostri sogni eppure tanto fragili da essere turbate dalla più piccola folata di vento... forza e delicatezza!
Molti poeti hanno provato a descrivere queste sensazioni che ci cambiano così tanto: a volte ci fanno essere delicati ed innocenti come bambini altre irascibili come demoni. Gli scrittori hanno rubato le parole al vento, magari ululando al chiaro di luna, o con dolci melodie quando il sole invecchia sul mare, in una spiaggia deserta... ma nessuno ha mai potuto descriverle pienamente, in realtà nessuno sa cosa siano.
Eppure gli innamorati lo sanno, ma e’ qualcosa di tanto personale da essere diverso da individuo a individuo, come un'impronta digitale è unica e poi è indescrivibile perché divina.
Per questo solo i pazzi potrebbero credere di parlare dell’amore, di poter trasmettere quelle sensazioni e quei brividi che si scatenano come in una tempesta di emozioni ma tutti siamo poeti se parlassimo del nostro amore, se raccontassimo del bruciore del cuore quando Lei s’avvicina, quando ci stringe per mano o semplicemente quando entra nei nostri sogni.
Ognuno ha la sua musa e anch’io ho la mia, che m’ispira questa lettera, che mi detta ogni parola, che parla con il mio sospiro, che grida con la mia voce.
La sento nel cuore, vaga senza meta, in un posto che ormai e’ tutto suo. Ogni pensiero e’ suo, ogni azione e’ per lei, il mondo le gira attorno ed io giro attorno a lei.
La testa s’alleggerisce, le gambe mi tremano e il tocco della sua mano m’impaurisce poi mi rasserena, il corpo accoglie i suoi movimenti e la mente fotografa ogni attimo, tutto deve essere ricordato, tutto e’ importante.
La possessione di tutto e’ uno dei sintomi di questa grave “malattia”, ogni suo gesto deve essere mio, ogni suo sguardo dev’essere per me, ti rende pazzo e la pazzia e’ la tua ragione di vita.
L’amore ti domina, placa la ragione, ti fa fantasticare e gli doni tutto, la beatitudine e’ il tuo compenso. Non sei più tu, o meglio, sei tu ma nella parte migliore di te, la dolcezza si scopre e il romanticismo lo fiancheggia.
L’amore ti cambia ma se e’ quello vero fa una bella copia di te e ti trovi a scrivere queste parole come se niente fosse, come se in tutta la vita avessi fatto solo questo, per ringraziarla perché se non l’avessi incontrata saresti perso.
L’amore lo cerchi ma non lo trovi, vuoi vederlo anche dove non c’e’ ma quando smetti di cercare e’ lui che viene a trovarti e lui che t’abbraccia e ti cambia, ti fa vedere con i suoi occhi e tutto e’ più bello.
Io vedo con il tuo amore e niente mi è chiesto in cambio se non un’altra gioia: quella di amarti.

inviata da: Lucio, domenica 7 dicembre 2003

 

 

 

vai alla home page noi lasciaci un messaggio i siti amici per qualsiasi informazione

ritorna alla home page le vostre parole