iscriviti alla newsletter di scrivimiamore

iscriviti alla newsletter di scrivimiamore ritorna alla home page

La Zanzara

Lasci˛ la palude
e venne sul mio collo
buss˛ con un ronzýo
alla porta delle vene

si servý senza risposta
del mio sangue
avvelenato
di rimorsi

con un giro
fece un'aureola
intorno ai dolori
impigriti
di mestiere
a guardia del grigiore
arbitro sicuro
di luci e ombre
briganti e esche
per la rapina
delle gioie del cuore

dissi alla zanzara
vai da lei
per una trasfusione
e spezzagli
il sorriso
del suo mondo
che mi esclude

l'animale disse
c'Ŕ troppo peso
nella rabbia
e non riesco pi¨
a volare
verso le gioie
che dovrei inquinare

rovesci˛ le ali
sulla bianca formica
e morý
insieme all'ultimo
sussulto
che pur nel peggio
il mio cuore
avrebbe avuto

inviata da: Michael Santhers, domenica 14 dicembre 2003

 

 

 

vai alla home page noi lasciaci un messaggio i siti amici per qualsiasi informazione

ritorna alla home page le vostre parole