iscriviti alla newsletter di scrivimiamore

iscriviti alla newsletter di scrivimiamore ritorna alla home page

L'ho rivista

L'ho rivista quella sera, mentre entrava dentro un bar. Ho rivissuto l'avventura, che ci aveva uniti in riva al mare, una notte di fine estate. Io ero d'uso fare il bagno a mezzanotte e, andando in spiaggia, la incontrai distesa sul pontile che conduceva alla darsena. Mi sembrò che fosse svenuta e mi adagiai accanto a lei per aiutarla, ma con mia somma sorpresa la sconosciuta, con fare mellifluo, mi avvolse il collo con le sue braccia morbide, profumate di lavanda. Odorava di glicine. Mi attrasse a sè. Pensai che avrei dovuto allarmarmi, avere paura... ma poi di chè, dissi a me stesso. Ebbi, però, un attimo di smarrimento, di esitazione, non riuscivo a comprendere in pieno la situazione. Lei non disse una parola e neanch'io. Attirandomi sopra di lei, avvicinò le mie labbra alle sue. Erano carnose, vogliose, febbricitanti. Accettai l'invito ad un turbine di passione, che repentinamente mi avvolse e mi sconvolse. Lo sentivo fino al midollo delle ossa. Senza dire una parola, continuammo ad accarezzarci, palpeggiarci, guardarci teneramente negli occhi, baciarci, sentire montare i nostri sessi e ardere in un contatto di amorosi sensi fosforescente, fantasmagorico. Ad un tratto mi è parso di vedere le stelle, il firmamento roteare attorno alle mie pupille. Mi sentivo cullare e perdermi nel suo profumo di donna... Poi, d'un tratto, proprio sul più bello, quando pensavo e sentivo di doverla amare fino in fondo, pienamente, lei si svincolò e si staccò da me. Mentre si alzava, mi diede uno sguardo furtivo e lascivo, profondo e languido, ardente e concupiscente. Pian piano si allontanò e, poi, andò via correndo, lasciandomi incredulo e sgomento, profondamente deluso, mentre avvertivo che la passione dentro mi rodeva. Per spegnere la mia eccitazione, mi lanciai bruscamente in acqua e tutto finì lì... ma continuai a pensarla, a lungo. Non ho mai saputo chi fosse, come si chiamasse; non l'avevo mai vista, nè mai più la rividi... salvo quella sera... finalmente...

inviata da: Katas, venerdì 9 gennaio 2004

 

 

 

vai alla home page noi lasciaci un messaggio i siti amici per qualsiasi informazione

ritorna alla home page le vostre parole