iscriviti alla newsletter di scrivimiamore

iscriviti alla newsletter di scrivimiamore ritorna alla home page

home > le vostre parole > lettere > Lancillot > Posso regalarti solo un sogno...

Posso regalarti solo un sogno...

Nonostante l’ora tarda, la luce del giorno non si è ancora rassegnata e le ombre della sera avanzano lentamente.E’ una serata strana questa, carica di magia, una di quelle sere in cui abbandonarsi ai sogni diviene naturale, e quelli che nasceranno saranno grandiosi…
L’assordante frinire delle cicale che anima queste prime giornate d’estate ha lasciato posto a quello incessante ma molto più armonioso dei grilli.La voce del ruscello si fa largo tra i rumori della sera, il cielo color pastello si tinge di nero, mentre un refolo di vento rinfresca la serata…
La piccola falce di luna colora d’argento gli immensi oleandri bianchi che si stagliano come giganti nell’oscurità della notte, mentre le boungaville ondeggiano leggere al tocco delicato di quella brezza e disperdono nell’aria la loro essenza che si mischia a quella del prato che profuma ancora di sole…
Mi abbandono su quell’erba pungente, e mentre attorno a me, sospese a mezz’aria, danzano centinaia di piccole luce comparse all’improvviso, mi lascio cullare dal sogno più dolce…

La mia mano d’un tratto avverte un tocco leggero,è quello della tua, lo riconoscerei tra milioni, e sento il cuore improvvisamente accelerare i suoi battiti, il tuo profumo raggiungere i miei sensi e l’anima urlare di gioia.
Non posso fare a meno di volgere il mio sguardo verso te, e i miei occhi si smarriscono nei tuoi, splendidi, vivi….perfetti…
Mi guardi…Sorridi…
Sai bene quanto ti amo…
Rimaniamo li, immobili, distesi su quel prato, in silenzio assorti osserviamo stupiti il cielo, rapiti da quella luce che ha viaggiato per centinaia di anni, attraversando l’oscurità più profonda, fino ad essere catturata poi dalle nostre iridi e poter così fissare per l’eternità questo istante perfetto…
Ad un tratto mi stringi la mano, mi volto e ti osservo…
Incantato trattengo il respiro…
Dio quanto sei bella…
D’un tratto come per magia, il freddo, la paura e la solitudine che mi hanno accompagnato in questi mesi svaniscono, ed ora che ti sfioro la mano, mi sento nuovamente completo.
Era troppo grande il vuoto che avevi lasciato….
Resta qui questa notte….

D’improvviso attorno a noi solamente la spiaggia, la luna, immensa e cristallina illumina il mare placido di questa nuova notte, ed esplode, tra le sue lievi increspature, in un tripudio di argentei scintillii, che per magia vengono catturati dai tuoi splendidi occhi…
Mentre aspettiamo l’alba ad un tratto mi chiedi
“Raccontami una storia…”…
Ti sorrido e ti stringo a me…
“Ti racconterò un sogno Amore mio…un sogno perfetto…”
Mi ascolti mentre le mie parole scivolano come seta, e si confondono con lo sciabordio delle onde, mi abbracci forte e ti rifugi nel mio cuore..Ti senti protetta…a casa…
Un nuovo giorno sta per incominciare, ma prima che l’ultima stella venga inghiottita da questa nuova luce, interrompi il mio racconto…
“Dimmi che non è solo un sogno…Dimmi che questo non morirà all’alba …”
I tuoi occhi luminosi anche se velati da un’antica malinconia mi entrano dentro e trovano nel mio cuore la risposta che forse cercavi…
“No…questo non è un sogno…E’ il mio amore per te e durerà in eterno…”
Resta con me questo giorno…

Avanziamo lentamente sulla battigia, dove il mare inquieto color acciaio s’infrange con onde maestose,la tiepida e morbida schiuma marina avvolge i nostri piedi fino alla caviglia, i nostri passi divenuti incerti affondano nella sabbia bagnata, la barba è grigia sul mio volto, sui lineamenti del mio viso,divenuto leggermente più pieno, il passaggio del tempo è più evidente. I capelli oramai brizzolati sono impregnati di salino, e l’odore del mare riempie l’aria attorno a noi …
Ti tengo per mano, e continuiamo a camminare seguendo le orme d’alcuni bambini che ci precedono…
Il maestrale impetuoso scompiglia i tuoi sempre lunghi capelli, e qualche ciocca ribelle copre i tuoi occhi.
Mi fermo, e con gesti delicati sistemo quei ciuffi dispettosi…
Prendo il tuo viso tra le mani… ti guardo…sorrido…Ti bacio…
Dio quanto sei bella…
Resta con me questa vita…

Questo è tutto ciò che ho da offrirti,non posso fare altro, non mi è concesso altro se non sognare…
Ti dissi che saresti stata la custode dei miei sogni,questa notte accetta questo…è il mio più prezioso…
Abbine cura Amore mio…
“Questo non è un sogno…E’ il mio amore per te e durerà in eterno…”
Con infinito amore

PS:Ogni volta che vorrai ti ricondurrò al mare, anche se questo avverrà solamente in sogno, ti tenderò la mano, e sorreggerò i tuoi passi incerti fino a quando non sarai nuovamente dinnanzi a lui…

inviata da: Lancillot, giovedì 29 gennaio 2004

 

 

 

vai alla home page noi lasciaci un messaggio i siti amici per qualsiasi informazione

ritorna alla home page le vostre parole