iscriviti alla newsletter di scrivimiamore

iscriviti alla newsletter di scrivimiamore ritorna alla home page

home > le vostre parole > lettere > Andrea Capraro > Respirarle libero, lumi in C. B.

Respirarle libero, lumi in C. B.

Ormai pensare di scriverti è follia all’ennesima potenza. Non mi frega! Tentare di farti ridere è per me, come un gioco da tavolo. Esatto, lascio che scorra tutto, e si porti a compimento nel luogo più spazioso che c’è nel mio corpo. E sono anche cavoli tuoi visto che non ti fai sentire. Il tuo nome come simbolo della dolcezza di un pensiero che termina cadendo, come la scia di una stella travolgente. Un desiderio ciclico, in modo che tutto ciò non termini mai e scusami solo per il solletico che mi pongo e prosciogli questo modo solito, sciocco, l’assenza di voce per queste fredde parole. Perché continui illuminando qualsiasi innata disperazione che dio mi ha donato (per un forte disavanzo tra le nuvole immagino) e per capire cosa diavolo sia questo stomaco annodato al pensiero di te. Un po’ l’ho capito, ma un po’ me tocca de stà zitto. A quel punto accade il miracolo, una lacrima m’illumina il volto come il vetro di una finestra irrigato dal temporale, dagli occhi a queste mani, asciugando forse l’ingenuo dolore che mi ha dato, la rinascita amore mio, e questo non vederti più, un deserto, qualche oasi - Ma invece eccoti qua! - Voli tra un fiore e l’altro, ed è stupendo guardarti, bello ritrovare il sorriso di un tuo bacio, mentre le tue ali volteggiano libere e gloriose in quella limpidezza, quando bevi dalla pioggia una goccia di grazia; l’esempio della tua luce trasparente, che una volta ho sfiorato, ma per sempre sembra che stia dinanzi a me. Intorno, le tue mani sembrano disposte in questo tempo, come quando accarezzi il sole ed esso precipita in una tinozza di brividi rosati, mai più bella non sarai, lo giuro! ma dolce, dolce resterai per me

inviata da: Andrea Capraro, lunedì 19 maggio 2003

 

 

 

vai alla home page noi lasciaci un messaggio i siti amici per qualsiasi informazione

ritorna alla home page le vostre parole