iscriviti alla newsletter di scrivimiamore

iscriviti alla newsletter di scrivimiamore ritorna alla home page

A Luna


Maggio 2000.

Cara Luna,
ti ho inviato una lettera che non senti tua, perché non c'entrava nulla ,perché
ti è arrivata da fuori dal mondo. Era solo il canto
del cigno della metafora e della fantasia, visto che mi sono ripromesso di uscire dal mondo delle metafore , lunedì sera, ricordi? Invece ci ricasco sempre.Eppure sono fatto di carne ed ossa e se questo corpo potesse seguire concretamente i mille viaggi della mente...
Questi mesi sono tremendi per me. Continui viaggi senza biglietto, adrenalina , solo adrenalina pompata dal cervello alla punta dei piedi.
Il mio corpo è una prigione ed unico strumento del piacere..Voglio fottermene di tutti e pensare solo a me stesso e alle mie emozioni, aperto alla natura e chiuso al mondo.
Sappi che me le porterò dentro quelle parole belle, via da quella tenda, dentro il mondo in cui c'è guerra, sempre. Probabilmente non mi avresti detto mai " vai via" ma in tono gentile avresti sussurrato qualcosa per smettere quell'atmosfera che non poteva durare se non pochi istanti e anzichè assistere all'agonia di qualcosa di magico ho preferito cristallizzare quel momento, di occhi dentro gli occhi, il tempo di un the,nel ricordo, che lo accudisce e rende eterno. Ora me lo contemplo nella vetrina della mente in cui l' ho esposto, so già che lo visiterò spesso, e tornerò a gustare il sapore di quelle poche parole, buone, che ci siamo detti.
Il sapore del Bacardi e della Nutella in bocca.Voglio
passartelo con le labbra, le mie labbra...
Stasera il teatro del teatro, le carezze & il sesso...la ricerca del
sesso...ti auguro ogni bene...

Pierrot

inviata da: Angelo Angellotti, giovedì 14 ottobre 2004

 

 

 

vai alla home page noi lasciaci un messaggio i siti amici per qualsiasi informazione

ritorna alla home page le vostre parole